Scialocco

December 7, 2010

Brianza velenosa

(di: Battisti, Mogol, Shylock)

Sogno un paradiso tropicale, e io là
all’ombra di fanciulle in fiore senza età
per riposare, un poco, dai miei molti affanni.
Giusto per passar di prescrizione gli anni.

Ho sempre rifiutato di scegliermi un delfino
tanto poi, pensavo, è me che la gente vota
ed ora che ho solo servi e Bossi a me vicino
rischio di lasciare tutto quanto al Trota

Ma che colore ha, una giornata uggiosa?
Ma che sapore ha, una vita mal spesa?

Io sindaco rampante, gran rottamatore
dovendo rispettare il patto di stabilità
vengo a chiedere aiuto all’Oscuro Signore
per risolvere i problemi di liquidità

Ma che colore ha, la lista della spesa?
Ma che valore ha, una cambiale sospesa?

Tutta questa confidenza un poco mi disturba
con qualche riluttanza ammetto il mio patema
è soprattutto uno il pensiero che mi turba:
credeva d’esser furbo più di lui il D’Alema.

Ma cosa mai vorrà, quel mezzo criminale?
Che patto proporrà, quel vecchio infernale?

E’ quando sento dirgli ‘questo mi somiglia’
che il cuore mi sobbalza in petto forte-forte
è atroce il sospetto che ora mi si piglia:
non vorrà mica darmi il Bacio della Morte?

Io qui non ci sto più, rinuncio ad ogni cosa
e fuggo via da te, Brianza velenosa.

(Hat tip: Malvino)

Advertisements

Leave a Comment »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: